CASCO E PROTEZIONI: CON LA POC METTI LA TUA TESTA AL SICURO.

CASCO E PROTEZIONI: CON LA POC METTI LA TUA TESTA AL SICURO.

DA ANNI L’AZIENDA SVEDESE POC CREA CASCHI E PROTEZIONI PER GLI AMANTI DELLA BICICLETTA. SVELIAMO IN DETTAGLIO I SEGRETI DI QUESTO GRANDE SUCCESSO.

Tanti sono gli appassionati di ciclismo ed il loro numero sta velocemente aumentando. Ammettiamolo: è bellissimo andare a lavoro o anche solo fare una passeggiata in bici! Pedalare offre molti vantaggi, non ultimo quello di coprire agevolmente piccole distanze, in modo particolare in città, svincolandosi da traffico e stress.

Sia che utilizziate la bicicletta nel centro urbano, sia che siate degli appassionati delle gite fuori porta in mezzo alla natura, magari alla ricerca di un bel paesaggio da fotografare, sia che siate dei professionisti della disciplina, è assolutamente necessario riservare attenzione alla sicurezza.

Recentemente caschi, occhiali e protezioni in genere, complici anche le imposizioni dell’Unione Ciclistica Internazionale nelle manifestazioni agonistiche, hanno visto lo svilupparsi di tecnologie sempre più all’avanguardia, per renderli leggeri e, al contempo, resistenti.

Il casco, in modo particolare, è quello che ha subito maggiori innovazioni, dovendo coniugare robustezza ed adeguata aereazione, leggerezza, confort. La struttura di base è abbastanza semplice: una calotta interna, una esterna ed i sistemi di fissaggio, generalmente costituiti da cinturini, per evitare che esso possa scivolare. Non tutti i caschi, però, sono uguali: le diverse forme, dalla più aereodinamica alla forma “a uovo”, sono atte ad offrire adeguata protezione nelle varie articolazioni dello sport, dal ciclismo su strada al freestyle, dall’enduro al MTB.

Per ciascuna di esse, il casco della POC offre una soluzione adeguata: a differenza di altri, la cui calotta esterna è generalmente in policarbonato, l’impiego di fibra di carbonio o ancor più dell’aramide, materiale delle proprietà meccaniche eccezionali che lo rende secondo solo alla fibra di vetro, rende il casco POC molto più resistente e leggero: compito principale, infatti, di questo primo involucro è la distribuzione della forza d’urto su una superficie della calotta interna che sia più ampia possibile, in modo da disperderne l’intensità.

Per quest’ultima, l’Azienda ha adottato il polipropilene espanso; il poliuretano, infatti, resta irrimediabilmente deformato da un colpo, anche modesto, e costringe il ciclista a sostituire la protezione. L’EPP, viceversa, consente una maggior elasticità, senza per questo sacrificare la sicurezza del casco POC. Interessante è anche il modello MIPS, che riduce la forza di rotazione alla testa in caso di urti obliqui; grande attenzione, infine, per il confort del ciclista e l’aereazione dei caschi.
L’offerta della azienda svedese, però, non si limita a questo: nelle armature e protezioni POC per il corpo, l’impiego della pasta di polimero visco-elastico, garantisce sicurezza, flessibilità e libertà nei movimenti, così come per gli occhiali, studiati specificatamente per il ciclista. Lenti Zeiss in policarbonato, cinghie composte da due diverse densità di schiuma e uno strato in pile, con grip in silicone, perfetta polarizzazione o trattamento VLT dal 10% al 90%, a differenza del normale 30%-60%, conferiscono loro qualità e robustezza. Tali accorgimenti, rendono le protezioni POC accessori di altissima qualità, indispensabili al professionista come al semplice appassionato.